I migliori consigli su come curare la barba durante quando in estate sei in vacanza al mare

Le temperature fredde sono un ricordo e non per questo la barba deve sparire per via del caldo e del mare. Con qualche piccolo accorgimento potrai sfoggiare una barba curatissima su tutte le spiagge gay, da Gallipoli alle piscine di Milano.

Consigli e accorgimenti per non rovinare la barba

Associata all’inverno, la barba non è termica come si crede e per questo motivo non mantiene calda la faccia e non si riscalda in estate, l’unico problema è che il sole, l’acqua del mare e il cloro delle piscine potrebbero rovinarla, ma ecco tutto quello che si può fare per mantenere la barba bella e nutrita anche in estate.

Pulire profondamente la barba

La barba, per quanto curata, potrebbe irritare la pelle quando fa troppo caldo. Per questo motivo è importante pulirla per bene e quotidianamente, così da evitare che si accumulino batteri che potrebbero portare a infiammazioni e prurito. Qualche paragrafo sotto ti spieghiamo come e quando pulire la barba.

Olio per la barba

L’olio per la barba è essenziale, ma non è detto che si deve per forza spendere un capitale. In inverno i prodotti usati hanno fragranze di pino e sottobosco, per farti passare come un vero e proprio boscaiolo. In estate alleggerisci la fragranza utilizzando qualcosa agli agrumi o, ancora meglio, un olio al cocco di quelli utilizzati per idratare la pelle dopo una giornata al mare. In questo modo non solo la barba sarà nutrita, ma avrai anche una pelle perfettamente idratata. Qualche paragrafo più sotto ti spieghiamo come e quando applicare l’olio.

Idratare pelle e corpo

Sudando e con il caldo, in estate si perdono molti liquidi e bisogna stare attenti a re-idratarsi. Come per i capelli, anche la barba soffre se non siamo idratati abbastanza, perciò specialmente se passiamo qualche ora al sole, bisogna ricordarsi di bere molta acqua.

Curare la barba al mare o in piscina: consigli e trattamenti

Uno dei principali problemi della cura della barba in estate sono l’acqua di mare e il cloro della piscina, due veri e propri nemici per la barba. Qui tutti i consigli per non rovinarsi il look anche in estate.

Curare la barba al mare

Il mare è incredibile, permette di sfoggiare costumi che non lasciano spazio all’immaginazione e ci liberano da maglie e canotte, peccato che la salsedine, il sole e la sabbia siano i principali problemi se si vuole mantenere una barba curata e morbida. Ecco cosa fare per curare la barba in estate al mare:

  • Passare un olio sulla barba una o due ore prima di andare al mare. Questo creerà un patina protettiva sul pelo, proteggendolo da giornate particolarmente aggressive
  • Ogni volta che si fa il bagno bisogna lavare la barba con l’acqua dolce (basta una doccia o un bicchiere di acqua), così da eliminare il sale e la sabbia
  • Lavata la barba, passa un po’ di olio. Va bene qualunque tipo di olio da barba (argan o olio di cocco di quelli usati come dopo sole o abbronzante). In caso non dovessi averlo con te, anche un goccio di olio da cucina aiuta a proteggerti
  • Tornato a casa lava la barba con uno shampoo per barba o uno shampoo delicato così da pulire a fondo la barba eliminando ogni residuo si salsedine e sabbia

Curare la barba in piscina

Se al mare preferisci le piscine di Mykonos o quelle gay-friendly di Milano, bisogna stare attenti al cloro che secca la barba come poche altre cose. Ecco cosa fare per curare la barba in estate in piscina:

  • Una o due ore prima di fare il bagno passare dell’olio da barba sul pelo e lasciare asciugare completamente. Si creerà così una patina protettiva e con l’olio completamente asciutto non sporcherà l’acqua
  • Il cloro secca molto il pelo, per questo ogni volta che esci dovresti lavare la barba con dell’acqua dolce
  • A fine giornata lava bene la barba e passa un balsamo per nutrire il pelo facendolo tornare alla sua naturale morbidezza.

Pronto a partire per la prossima avventura? Controlla le offerte su Booking

Letture consigliate

Dove andare quando: guida di viaggio mese per mese | Il libro dei viaggi | Viaggi senza tempo

Ti potrebbe interessare