Cosa fare e cosa vedere a Samarcanda, la città della via della seta

Samarcanda è una di quelle città che ha un aspetto quasi mitologico, e rientra nell’elenco dei luoghi che una volta nella vita andrebbero visitati. Immagini di antichi racconti e l’incredibile via della seta qui si fanno reali, permettendo di visitare un vero e proprio gioiello ancora tutto da scoprire.

Qui potrai cominciare a scoprire la cultura e l’architettura islamica dei grande Tamerlano, passeggiando per piazze e dentro monumenti perfettamente conservati, che negli ultimi anni stanno ricominciando a vivere e risplendere.

Cosa vedere ad Samarcanda

Samarcanda, specialmente la parte antica della città, ha subito dei grossi interventi di restauro, permettendo di creare zone pedonali nei pressi nei maggiori siti storici. Per quanto non ci sia vita locale nella parte antica della città, è proprio qui che si può ammirare la magnificenza della città, che dai tempi della via della seta, ancora si pone imponente e fiera.

Un paio di giorni per visitare la città bastano perché fortunatamente la zona antica è compatta ed è davvero facile spostarsi a piedi da un sito storico all’altro.

Registan

Il Registan è di sicuro il luogo più iconico e bello di tutta Samarcanda. Questa enorme piazza permette l’accesso alle tre madrase, ovvero le scuole coraniche, che sono state tutte egregiamente restaurante. Inoltre queste sono le madrase più antiche del mondo, qualunque edificio precedente fu distrutto da Genghis Khan. Pianifica qui almeno una mezza giornata intera perché l’intero sito storico è davvero grande e spesso ci sono bande e scuole di musica che qui vengono a provare spettacoli e balli. Di sera il Registan è davvero impressionante e completamente illuminato.

Mausoleo di Gur-e-Amir

Il mausoleo di Gur-e-Amir è forse un sito storico ancora più bello del Registan. I portali e i decori di ceramica azzurra ti accompagneranno in un percorso silenzioso e mistico dove perdersi e aspettare il tramonto. Proprio al tramonto qui è bellissimo venire perché potrai aspettare il calare del sole su una delle tantissime terrazze e tetti che si affacciano sulla città.

Moschea di Bibi-Khanym

Questa moschea non è di certo indimenticabile, ma il silenzio e la tranquillità che avvertirai all’interno sarà il massimo in questa esperienza di viaggio. Ci sono molte leggende che circondano questa grandissima moschea, e soprattutto Bibi-Khanym, la moglie cinese di Tamerlano a cui l’edificio è dedicato. La moglie di Tamerlano, mentre lui era in viaggio, decise di costruire questa imponente moschea con una delle cupole più grandi mai viste, ma l’architetto si innamorò di lei e smise di costruire l’edificio fino a quando la donna non avesse dato a lui un bacio d’amore. Quando Tamerlano tornò e scoprì quello che stava accadendo, uccide l’architetto e impose alla sua sposa di indossare un velo per poter proteggere la sua bellezza ed evitare che altri uomini si innamorassero di lei. Altra storia più cruenta racconta che Tamerlano era talmente tanto arrabbiato con la sua sposa che decise di buttarla giù dal palazzo, ma lei mise una gonna di veli che durante la caduta si gonfiò, facendo un effetto paracadute e salvandola.

Osservatorio di Ulugbek

L’osservatorio di Ulugbek e il museo annesso è uno dei siti storici più importanti per la scienza e per i ritrovamenti archeologici dell’ultimo secolo. Ulugbek era noto per essere un appassionato di astri e grazie a questo immenso osservatorio riuscì a studiare per primo il moto del sole e della luna.

 

Pronto per la prossima avventura? Controlla le offerte su Booking e risparmia sugli hotel

Letture consigliate

Uzbekistan: nelle steppe dell’Asia Centrale | Meridiani: Uzbekistan | Lonely Planet Asia Centrale | Sovietstan

Ti potrebbe interessare anche