Adattatore universale da viaggio: quale comprare e recensioni

Oggi si sa viaggiare è davvero semplice e nemmeno tanto dispendioso. Ci sono tanti modi per risparmiare quando acquisti dei biglietti e addirittura per trovare un lavoro che ti permetta di viaggiare gratis.

Oggi quindi tutto è più che mai è vicino e connesso! Ma ci sono alcuni problemi che non passano mai. Uno di questi quando si viaggia è sicuramente quello di non dimenticare un adattatore universale per ricaricare i dispositivi elettronici come smartphone, batterie portatili e macchinetta fotografica.

L’adattatore da viaggio permette di ricaricare gli apparecchi elettronici in tutti i paesi del mondo. Si tratta di un oggetto di dimensioni abbastanza ridotte ma utilissimo durante un viaggio all’estero. E non è necessario andare dall’altra parte del mondo per capirne l’utilità.

Prese elettriche a cosa serve adattatore

La cosa migliore da fare quindi prima di fare un viaggio è informarsi su quale tipo di presa o spina sia utilizzata nel paese di destinazione. In questo modo potrai scegliere il giusto adattatore. Ma non solo, per non rovinare i tuoi device è importante capire anche il voltaggio e qual è la differenza fra convertitore e adattatore. In questa guida cerchiamo di fare chiarezza su questi aspetti e su come scegliere un adattatore universale da viaggio.

Cos’è il voltaggio?

Il voltaggio altro non è che la potenza della corrente elettrica e questa cambia da paese a paese (in realtà può cambiare anche all’interno dello stesso paese). Parte da un minimo di 100 volt a un massimo di 240 volt.

Ovviamente se hai una macchinetta fotografica che per ricaricarsi ha bisogno di 110 volt, una volta collegato a una presa da 240 volt potrebbe rompersi. Una cosa molto utile da fare è verificare che il tuo dispositivo possa essere compatibile in tutto il mondo. Per approfondire l’aspetto di prese elettriche e voltaggio su Wikipedia ci sono delle tabelle molto interessanti che ti aiuteranno a capire se hai bisogno di un adattatore e quale ingresso deve avere il tuo caricabatterie.

Voltaggio utilizzato nel mondo

Qual è la differenza tra convertitore e adattatore?

L’adattatore è quello strumento che ti permette di utilizzare la presa dei tuoi dispositivi elettronici in tutto il mondo. Il convertitore invece è quello che ti permette di convertire il voltaggio ovvero la potenza della corrente. Ma quindi hai bisogno di due strumenti separati? No, perché alcuni adattatori sono anche convertitori e ti consentono di viaggiare in giro per il mondo in tutta tranquillità.

Per capire se hai bisogno di un convertitore o di un adattatore universale da viaggio controlla che il tuo dispositivo sia a voltaggio singolo o voltaggio doppio. Quasi tutti i dispositivi come smartphone e computer sono a voltaggio doppio ovvero funzionano sia a 110-120 volt sia a 220-240 volt. Queste informazioni le puoi trovare sull’etichetta energetica del tuo prodotto.

A cosa serve un adattatore o un convertitore?

L’adattatore serve per ricaricare uno smartphone, una fotocamera o un computer. La maggior parte di questi prodotti infatti vengono realizzati per essere compatibili e utilizzati in tutto il mondo con voltaggi diversi.

Il convertitore invece è utile per utilizzare piccoli elettrodomestici come un asciugacapelli o una piastra per capelli. Se durante i tuoi viaggi usi spesso questi prodotti, potrebbe essere utile acquistare un asciugacapelli da viaggio o una piastra da viaggio.

Per sapere se dovrai utilizzare un convertitore o un adattatore leggi quello che è scritto nell’etichetta energetica del tuo dispositivo o device elettrico. In genere puoi trovare queste informazioni attaccate vicino la batteria oppure vicino il filo della spina.

Quale adattatore scegliere?

Nel mondo esistono due categorie di prese elettriche quelle a due poli e quelle a tre poli. Quella a due poli viene anche detta polarizzata mentre quella a 3 poli dispone di un terzo contatto per la messa a terra. Le forme delle prese però variano da paese a paese ed è così che abbiamo diversi tipi di prese come quella americana, quella inglese, quella giapponese eccetera. Alcuni hanno forma cilindrica, altri una forma piatta e si possono trovare in verticale o orizzontale.

Modelli consigliati

Abbiamo scandagliato un po’ Amazon e cercato i migliori adattatori. Ecco quelli che secondo noi possono essere utili da portare all’estero.

Adattatore KitchenGynti

Questo adattatore è esteticamente molto bello e anche compatto oltre al fatto di avere 3 ingressi USB che permette di caricare più velocemente e in contemporanea i dispositivi.

Compatibile con le prese in Stati Uniti, Germania, Europa, Francia, Polonia, Svizzera, Italia, Regno Unito, Giappone, Cina, Australia, Spagna.

prodotto disponibile

Adattatore Luxebell

Questo adattatore è molto utile soprattutto perchè dispone di due ingressi USB che ti permettono di ricaricare praticamente tutto. Ha anche un indicatore LED blu che ti permette di capire se l’adattatore è pronto per esser eutilizzato.

prodotto disponibile

Adattatore La Fayette

Secondo noi uno dei migliori in commercio. Oltre a essere utilizzabile in 150 paesi, ha ingressi USB e permette di caricare i dispositivi senza portare i caricabatterie. Il prezzo poi è abbstanza abbordabile.

prodotto disponibile

Trasformatore Bronson

Fra i trasformatori presenti su Amazon questo è quello migliore (per qualità e prezzo) perchè permette di convertire il voltaggio europeo (220-240 volt) in voltaggio americano (110-120 volt) e di collegare più dispositivi contemporaneamente.

prodotto disponibile

Pronto a partire per la prossima avventura? Controlla le offerte su Booking

Letture consigliate

Dove andare quando: guida di viaggio mese per mese | Il libro dei viaggi | Viaggi senza tempo

Ti potrebbe interessare