Assicurazione di viaggio: serve davvero? Ecco i 5 miti da sfatare

L’assicurazione di viaggio è una di quelle cose che se si prenota, si fa alla fine di una pianificazione di viaggio e non è detto tutti la facciano. In tantissimi non la fanno, specie se si visitano paesi non particolarmente selvaggi o difficili, e immaginare che proprio a te possa accadere qualcosa di spiacevole mentre stai viaggiando non è la prima cosa a cui pensare.

Uno dei principali pensieri è quello che se dovessi cadere o farti male puoi tranquillamente medicare le ferite con un kit di pronto soccorso o sentire il medico in Italia, ma i problemi cominciano a nascere quando ci sono dei punti da dover mettere o serve un consulto medico sul luogo.

Miti da sfatare sull’assicurazione di viaggio

Non sarebbe meglio viversi un viaggio in serenità senza dover pensare a mettere da parte soldi per gli inconvenienti? Le assicurazioni di viaggio potrebbero davvero sembrare abbastanza inutili, specialmente perché vengono acquistate sperando di non doverle mai usare, e riducono il budget di viaggio, ma è davvero necessario per evitare problemi ed essere coperti per ogni evenienza.

Le cliniche locali non costano molto

Una delle cose principali che si pensa quando si parte per Paesi non molto costosi è che se dovesse mai succedere qualcosa, le cliniche locali non costano molto, perché la sanità sarà in linea con il costo della vita media. Questo non è per niente vero. Dei semplici punti di sutura per una ferita non troppo grave in Thailandia, potrebbero costare fino a € 800 e bisognerà sperare che non ci siano altri esami e accertamenti da dover fare. Un’assicurazione che paghi per te tutte le spese mediche è assolutamente necessaria in questi casi.

L’assicurazione è utile solo se si pianificano esperienze adrenaliniche

Si pensa all’assicurazione come qualcosa di necessario solo per viaggi con esperienze adrenaliniche come trekking, sub, deltaplani e paracaduti, ma in realtà non è affatto vero. Anche se stai organizzando una vacanza tranquilla, tra spiagge e musei, non vuol dire che non hai bisogno di un’assicurazione. L’assicurazione di viaggio non serve a coprire solo le spese mediche, ma anche voli persi perché il treno che ti porta in aeroporto è in ritardo, furti o ritardi e smarrimenti della valigia da parte delle compagnie aree.

Se hai un budget risicato, risparmierai non facendo l’assicurazione

In passato le assicurazioni di viaggio costavano davvero tanto e con un budget risicato in tanti dovevano scegliere se non fare l’assicurazione o se risparmiare diminuendo i giorni di vacanza. Adesso invece le assicurazioni sono sempre più convenienti oltre che complete. Noi facciamo sempre un’assicurazione di viaggio con EuropAssistance che ti permette di fare tutto online e con semplicità, personalizzandola e ottendendo coperture totali e assistenza in modo conveniente e sicuro.

Se perdo un volo, la compagnia aerea mi rimborserà

Quando i voli sono collegati, se si perde una coincidenza le compagnie aeree rimborsano il volo o ti ricollocano su quello successivo, ma se per risparmiare hai acquistato voli non collegati, diventa tutto più complesso. Perdere una coincidenza perché si ha poco tempo o per un ritardo non è così raro, e voli sostitutivi last minute possono arrivare a costare anche € 1.000. Con un’assicurazione sarai coperto anche in questi casi, non dovendo togliere del budget al tuo viaggio, specie se devi ancora mettere piede su isole paradisiache o metropoli.

Il mio medico potrà farmi un consulto anche a distanza

I medici di famiglia sono sempre disponibilissimi a dare consigli, anche tramite messaggi, ma se hai molto fusorario e vuoi chiedere un consulto immediato al comparire di qualche sintomo di malessere, hai bisogno di qualche servizio più celere. Uno dei motivi per cui noi scegliamo EuropAssistance è perché inclusa nell’assicurazione c’è il servizio MyClinic. MyClinic è una vera e propria clinica, con esperti sempre disponibili e pronti a farti un consulto online e immediato in caso ti dovessi sentire male. Gli esperti non sostituiranno il medico, ma sapranno dirti e consigliarti le migliori cose da fare, oltre che indicarti eventualmente cliniche con convenzione e il pronto soccorso più vicino in caso di gravità.