Itinerario di 4 giorni a New York: Consigli su dove andare, quali quartieri visitare e come organizzare il viaggio

Organizzare un viaggio a New York potrebbe sembrare facile, ma invece dopo aver messo mano in una qualunque guida ci si rende conto che è un po’ più complesso di quello che ci si aspetta. New York è una città piena di cose da fare e vedere, e ogni quartiere ha un’infinità di cose da vedere.

4 giorni a New York – Itinerario completo e gay-friendly

Questo itinerario di 4 giorni a New York è pensato per visitare al meglio la città senza dover rinunciare alla vita notturna che qui è da sempre divertente e molto varia. Dai monumenti più importanti ai quartieri meno battuti, ecco come organizzare la tua vacanza a New York.

Giorno 1 – Lower Manhattan e Brooklyn

La prima giornata è tutta dedicata ai luoghi che vanno assolutamente visti di New York tra Statua della libertà, monumenti a lower Manhattan e l’incredibile ponte di Brooklyn.

Statua della libertà ed Ellis Island

La prima tappa non può che essere la statua della libertà. Qui probabilmente ci passerai tutta la mattina, alla scoperta della storia delle migrazioni negli Stati Uniti, oltre che vedere finalmente uno dei simboli più importanti degli Stati Uniti. Anche se la statua in foto sembra immensa, dal vivo è più piccola di quello che ci si aspetta, ma rimane comunque emozionante venire qui per vederla. Puoi anche entrare all’interno e salire sulla corona per ammirare un panorama mozzafiato di NYC.

Ellis Island e il museo dell’immigrazione sono davvero molto belli, ma non fermarti qui a mangiare qualcosa, meglio spostarsi in una foodhall o al parco.

World Trade Center Metro Station

Spostati a Lower Manhattan in metro e scendi alla fermata World Trade Center per ammirare da vicino l’incredibile architettura della stazione creata da Calatrava. La strana forma della stazione dovrebbe ricordare uno scheletro animale, ma è stata costruita per rappresentare l’idea di una gabbia dalla quale far volare via degli uccellini. Davvero impressionante.

Pranzo a Lower Manhattan

Per pranzo spostati a Lower Manhattan nei pressi del World Trade Center. Qui passerai gran parte del pomeriggio e potrai trovare facilmente qualunque tipo di cibo, dal ristorantino alle rinomatissime foodhall. Prova a prendere qualcosa da mangiare al Brookfield Place, una specie di centro commerciale dove ogni tua voglia di cibo verrà accontentata, troverai dal sushi, al thai e non mancheranno gli hot dog.

National September 11 Memorial & Museum

Preparati a vivere un’esperienza davvero intensa e potente in questo sito che ricorda gli attacchi terroristici del 2001. Dove un tempo c’erano le Twin Tower, adesso ci sono due bacini scuri in cui dell’acqua, come se fosse una cascata, cade nei crateri sparendo nell’oblio. Rimani qui per un attimo e se vuoi approfondire, visita anche il museo.

Pronte di Brooklyn

Non puoi venire a NY se non ti fai una passeggiata sul ponte di Brooklyn. Anche se sembra lunghissimo, la passeggiata è tanto piacevole e instagrammabile come poche altre cose.

Tramonto a DUMBO

Arrivato a Brooklyn avrai davanti a te uno dei quartieri più trendy della città. DUMBO è l’ideale per visitare delle gallerie d’arte o perdersi tra le strade piene di palazzi in mattoni rossi e scale in metallo. Passa da Washington Street per fare una delle foto più iconiche con il ponte di Brooklyn e poi vai in un supermercato qualunque a prendere qualcosina per fare un aperitivo in spiaggia e goderti il tramonto. Da Pebble Beach, raggiungibile a piedi da lì, potrai goderti una delle viste più belle su Manhattan, proprio mentre il sole tramonta.

Serata a Williamsburg

Williamsburg a Brooklyn, insieme a Bushwick, è il quartiere dove tutta la vita notturna di New York, quella più autentica, si è spostata. Qui potrai trovare tantissimi ristoranti e locali. Scopri tutti i locali di Brooklyn che non puoi perderti.

Giorno 2 – Central Park, Midtown e West Village

Il secondo giorno è dedicato ad alcune chicche e a uno dei più bei musei della città. Partendo dal MoMA ci avvicineremo al West Village per una birra allo Stonewall Inn, ma senza dimenticarci di passare da Times Square.

MoMA – The Museum of Modern Art

Il MoMA è uno dei musei più belli di New York e ti accoglierà per una mattinata intera dove ti ritroverai a passeggiare in stanze piene di opere incredibilmente belle. Spazierai dall’arte europea alla pop art americana senza accorgertene.

Pranzo a Central Park

Dopo il museo, vai verso il Central Park dove potrai passeggiare, scoprire laghetti e scorci incantevoli e fare un pranzo seduto su una panchina o sul prato. Infatti non troppo distante dal MoMA e proprio vicino l’ingresso al parco, potrai passare al Whole Food Market, uno dei migliori supermercati americani. Qui troverai tutto rigorosamente bio e il salad bar ti farà sentire in paradiso.

Times Square

Lanciati nella folla di Times Square e lasciati avvolgere dalle luci e dalle centinaia di schermi che riempiono la piazza. Qui ti sentirai davvero a NY. Fermati al TKTS booth per comprare dei biglietti super scontati per un musical. Ogni giorno in questo ticket office vengono venduti biglietti a metà prezzo per quasi tutti gli spettacoli di Broadway.

West Village

Il West Village è uno dei quartieri storici gay di New York. E’ qui che il movimento gay è nato. Passeggia nel quartiere andando in giro per le piccole strade piene di caffè e negozi e ricordati di passare al Gay Liberation Monument. E se hai fame non c’è nulla di più gay di un gelato al Big Gay Icecream!

Una birra allo Stonewall Inn

Lo Stonewall Inn è un monumento nazionale oltre che un pub. Vieni qui a bere una birra e siediti ai tavoli dove 50 anni fa persone come Sylvia Rivera hanno iniziato la rivoluzione del movimento di liberazione gay americano e mondiale.

Giorno 3 – Chelsea e Upper West Side

Chelsea è il nuovo quartiere gay di Manhattan e qui di sera troverai davvero tanti locali frequentati dai newyorkesi, mentre l’Upper West Side è il posto giusto per fare un incontro ravvicinato con un dinosauro.

Colazione con il T-Rex

Quando ti ricapiterà mai di fare colazione con un dinosauro? A New York tutto è possibile! Appena sveglio vai al Museo di Storia Naturale per vedere da vicino un esemplare di T-Rex e tutte le mostre interessanti che riguardano natura e scienza. Se preferisci, prima di passare qui puoi andare al Guggenheim Museum per vedere l’incredibile architettura del museo.

High Line

Percorri questa passeggiata per raggiungere Chelsea. L’High Line è una ferrovia abbandonata trasformata in parco e percorre praticamente metà Manhattan. Rilassati, respira profondamente e goditi la natura in questa lunga e particolare passeggiata cittadina.

Pranzo al Chelsea Market

Immagina qualcosa da mangiare. Ecco, la troverai sicuramente al Chelsea Market, un edificio con all’interno tantissimi ristoranti e chioschi dove prendere del buon cibo. Che sia per pranzo o per cena, questo market ti stupirà.

A spasso per Chelsea

Chelsea è diventato un vero e proprio quartiere gay a partire dagli anni ’90. I prezzi nel Village erano diventati altissimi e per questo motivo la comunità gay si è spostata un po’ più a nord aprendo nuovi locali e ristoranti tra Chelsea e Hell’s Kitchen. Passeggia, scopri il quartiere e fermati a bere qualcosa in uno dei tanti bar di tendenza di questa zona.

Giorno 4 – Lower East Side e East Village

Questi quartieri di New York rappresentano al massimo la storia della città fatta di immigrazione, culture diverse e cibi da tutto il mondo.

Little Italy, polpette e tagliatelle Alfredo

Little Italy non è più quel quartiere autentico della comunità italiana migrata negli Stati Uniti, ma rimane un quartiere vibrante e molto frequentato. Tra i ristoranti italiani anni ’80, negozi di souvenir e tanta folla, passa da qui per andare poi a Nolita, uno dei quartieri migliori per un pranzo e per provare i piatti tipici della cucina italo-americana come le tagliatelle Alfredo.

Leslie-Lohman Museum of Gay and Lesbian Art

A New York ci sono tantissimi musei, e tra questi anche alcuni interamente dedicati all’arte LGBTQ. La galleria Leslie-Lohman è una delle più interessanti per vedere mostre a tema politico che riguardano la comunità gay americana e internazionale.

Dall’Italia alla Cina

Altro quartiere che non si può saltare è Chinatown. Qui il mood è ancora autentico e ti ritroverai immerso in un’infinità di ristoranti, forni e negozi cinesi. E’ anche il quartiere migliore dove comprare dei souvenir.

Torna al Village per una birra

L’ultima serata non passarla lontano dal Village. Qui non c’è solo lo Stonewall Inn, ma anche tantissimi altri locali divertenti e molto belli dove conoscere gente e bere qualcosa in compagnia. Se invece cerchi qualcosa di più intenso, vai a prendere un drink all’Eagle e non dimenticare di indossare qualcosa di pelle.

 

Letture consigliate

Guida di New York | New York insolita e segreta | Zia Mame

Cerchi un albergo a New York? Controlla le offerte su Booking

Ti potrebbe interessare