Quali sono i paesi più sicuri per i viaggiatori gay? La classifica 2018

Classifica 2018 dei paesi del mondo più gay friendly

Spartacus è la guida gay più venduta di sempre e con pregi e difetti è uno strumento molto utilizzato da tutti i viaggiatori gay. Uno degli strumenti più utilizzati dai viaggiatori è l’Indice di viaggio che prende in esame i paesi del mondo analizzato la situazione delle persone LGBT.

Da questo studio nasce una classifica basata su 14 categorie, un elemento molto importante per chi come noi durante una vacanza non ha intenzione di nascondere la propria sessualità e crede fortemente che il viaggio sia un’esperienza che rafforza la coppia.

È praticamente un dato di fatto che in giro per l’Italia, per l’Europa e in gran parte dei paesi del mondo gli hotel gay friendly e le località che spingono per attrarre i turisti gay. Fra i tanti anche il portale GayFriendlyItaly dedicato alle bellezze del nostro paese e alle strutture gay friendly presenti nel nostro paese.

Ma ovviamente non è tutto rose e fiori! Nel mondo ci sono tantissimi paesi in cui la discriminazione è all’ordine del giorno e alcuni di questi richiedono particolare attenzione se vengono scelti come meta di un viaggio.

Gay Travel Index 2018: Cos’è?

La lista Gay Travel Index 2018  è una classifica dei 194 Paesi del mondo basata su 14 categorie e in cui vengono analizzati i paesi in base alla sicurezza come meta turistica gay friendly.

Basta scorrere velocemente la classifica per rendersi conto che in linea di massima parte del medio oriente e il continente africano siano i luoghi più rischiosi per i viaggiatori gay. Al contratio il Nord America e gli stati Europei sono quelli più sicuri e attenti alle tematiche gay. La novità dell’indice 2018 è l’introduzione delle questioni sociali legate alle persone transgender.

Le categorie del Gay Travel Index 2018

Le categorie prese in esame sono 14 appunto e le analisi dei punteggi ottenuti dai vari paesi in queste categorie ha dato luogo alla classifica finale per il 2018.

  • Presenza di leggi anti discriminazioni
  • Presenza di forme di riconoscimento giuridico delle coppie
  • Possibilità di adozione delle coppie gay
  • Situazione dei diritti delle persone transgender
  • Età del consenso
  • Influenza religiosa
  • Presenza di leggi anti-gay
  • Restrizioni per viaggiatori HIV+
  • Presenza di leggi che vietano le attività omosessuali
  • Presenza di leggi che vietano i Pride
  • Ostilità degli abitanti nei confronti delle persone LGBT
  • Presenza di persecuzioni
  • Numero di omicidi
  • Numero di morti

Classifica dei paesi più gay friendly del mondo

Nella top 10 spiccano diversi tantissimi paesi europei. Al primo posto un pari merito fra Canada e Svezia e a seguire  Belgio, Danimarca, Finlandia, Islanda, Francia, Germania e Paesi Bassi.

E l’Italia? La nostra nazione non è messa benissimo, ma molto meglio rispetto agli altri anni. Per vedere l’Italia bisogna arrivare alla quarantesima posizione a pari merito con Mozambico, Bolivia e Ecuador.

All’interno della classifica non stupiscono posizioni molto basse per la Russia (posto 157) e altri paesi rinomati per essere ostili nei confronti della comunità LGBT. Le ultime posizioni sono occupate da Afghanistan, Cameroon, Libia, Malawi, Qatar, Yemen, Iran, Arabia Saudita, Somalia e Cecenia.

By | 2018-05-22T09:33:10+00:00 maggio 22nd, 2018|News|0 Comments

Leave A Comment

Iscriviti alla newsletter

* Campi obbligatori