Benvenuti al Lovers Film Festival, il festival LGBTQI di Torino tra i più importanti al mondo

Da mercoledì 24 a domenica 28 aprile torna a Torino il Lovers Film Festival, il terzo festival LGBTQI più grande al mondo e l’appuntamento italiano più importante per quanto riguarda la cultura queer e il cinema. Il Lovers è un appuntamento importantissimo per Torino, che durante questo festival si trasforma con tutta la comunità LGBT pronta a festeggiare e celebrare la diversità tra proiezioni, mostre e feste.

34° edizione del Lovers Film Festival, Torino LGBTQI Visions: anticipazioni e programma

Anche se non sono ancora state comunicate tutte le novità dell’edizione del 2019, ci sono già alcune anticipazioni interessanti. Diretto da Irene Dionisio, alla sua ultima edizione, quest’anno ospiti del festival saranno Ira Sachs e Erika Lust.

Il regista Ira Sachs è un pluripremiato regista americano famoso per titoli come Little Men Quaranta sfumature di blu,  film vincitore del Sundance Dramatic Grand Jury Prize 2005, oltre che autore di Last Address, cortometraggio in onore di un gruppo di artisti di New York morti per AIDS che è stato inserito nelle collezioni permanenti del Whitney Museum e del Museum of Modern Art di New York.

Mentre Erika Lust è una delle più note registe di pellicole erotiche, oltre che essere dottoressa in storia del femminismo ed esperta di genderstudies. Con oltre 150 cortometraggi al suo attivo, Erika Lust produce e finanzia giovani registe, sostenendo il loro talento in tutto il mondo per “aprire” sempre di più il mondo del cinema internazionale alle donne.

I temi del Lovers Film Festival

Se in passato il Torino Gay & Lesbian Film Festival si soffermava su tematiche prettamente maschili, grazie anche a Irene Dionisio e a un cambio di nome, adesso è un festival a più ampio respiro. Le tematiche femminili sono sempre più presenti insieme a quelle queer che maggiormente rappresentano la comunità LGBTQI contemporanea.

Lovers Film Festival: quando nasce e perché è così importante

Il Lovers Film Festival nasce nel 1986 quando era chiamato “Da Sodoma a Hollywood” o più semplicemente “Togay”. Fondato da Ottavio Mai e Giovanni Minerva, già nel 1989 fu riconosciuto dal Ministero del turismo e dello spettacolo diventando un Festival Internazionale a tutti gli effetti, ma fu nel 2005 che divenne parte integrante del Museo del Cinema di Torino che tutt’ora si occupa dell’amministrazione e della gestione del Festival. Infine 3 anni fa il Festival cambia nuovamente nome chiamandosi “Lovers”, ovvero amante, appassionato e sexual partner. Un nome che racconta differenti e molteplici geografie sessuali, ma anche la cura e il profondo amore per il cinema e la stessa comunità LGBTQI.

Lovers Film Festival: i luoghi del Festival

Il festival Lovers si svolge storicamente al Cinema Massimo, proprio accanto alla Mole Antoneliana, casa del Museo del Cinema di Torino. Proprio qui verrà inaugurata anche la mostra di Asia Argento collegata alla 34° edizione del Lovers.

Come raggiungere il Lovers Film Festival

Tutti i luoghi del festival si trovano in centro a Torino. Il modo migliore per raggiungere il Cinema Massimo e la Mole è sicuramente in scooter con MiMoto, il primo servizio di scooter sharing elettrico made in Italy che ti permetterà di viaggiare in modo green e divertente e rapido (dalla stazione di Torino Porta Nuova al Cinema Massimo, ci vorranno solo 7 minuti e nessun problema di parcheggio).

MiMoto è operativo a Milano dal 2017 e a Torino dallo scorso settembre. Con un occhio di riguardo alla sostenibilità ambientale, la flotta 100% elettrica offre un mezzo leggero, maneggevole e facile da guidare ma allo stesso tempo sicuro. E proprio in occasione del Lovers Film Festival, se sei già cliente MiMoto, puoi approfittare dello speciale sconto sulle proiezioni dedicato agli eRiders. Basterà mostrare in biglietteria la schermata “lista noleggi” presente nell’app per poter avere una riduzione sui biglietti (5 euro anziché 7 euro su tutte le proiezioni e 3 euro anziché 5 euro sulle repliche dei film in concorso).