Blue Monday: cos’è e perchè è il giorno più triste dell’anno

Il 21 gennaio sarà il giorno più triste dell’anno! Ecco cosè e comse superare il Blue Monday

Se questa giornata avesse un inno sarebbe Blue Monday dei New Order. Il giorno più triste dell’anno arriva puntuale ogni terzo lunedì dell’anno.

E non è un caso che sia stato decretato il giorno più brutto dell’anno. A decretarlo è stato un calcolo matematico (non molto scientifico) fatto un po’ di anni fa e che mette insieme diversi fattori. Ma andiamo per gradi.

Cos’è il Blue Monday?

A quanto pare questo Blue Monday porta con se tristezza, malinconia, angoscia e delusione. Come se non bastasse dover fare i conti con un anno iniziato proprio di lunedì e con meno ponti disponibili per organizzare delle vacanze.

Ma quali sono i calcoli che hanno portato a decretare questo giorno come il più triste dell’anno? A influenzare il nostro stato d’animo pare ci sia il residuo delle spese natalizie (sempre eccessive) con il conseguente addebito in banca delle spese fatte il mese precedente.

A questo si sommano le condizioni metereologiche, la consapevolezza che mancano ancora più di 200 giorni al prossimo Natale e la sicurezza che l’ultima lunga vacanza dal lavoro e che manca ancora troppo per la successiva. E se questo non basta uniamo anche quella strana sensazione che prende il nome di depressione post ferie! Sigh!

Risultato? Non sappiamo se arriveremo integri a martedì!

Come superare il Blue Monday

Ovviamente esistono diversi modi per superare indenni questo giorno. Il primo consiglio per non permettere al Blue Monday di avere la meglio su di noi è quello di organizzare qualcosa ce ci faccia stare bene.

Vedere un film al cinema, organizzare un aperitivo con gli amici, o approfittarne per organizzare un weekend. D’altronde il ponte del 25 aprile non è poi così lontano!

Pronto a partire per la prossima avventura? Controlla le offerte su Booking

Letture consigliate

Dove andare quando: guida di viaggio mese per mese | Il libro dei viaggi | Viaggi senza tempo

Ti potrebbe interessare

By | 2018-11-28T13:16:19+00:00 dicembre 7th, 2018|News|0 Comments

Leave A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti alla newsletter

* Campi obbligatori