Roma insolita: luoghi strani e cose particolari da fare nella Capitale

Le migliori attrazioni insolite e fuori dai circuiti turistici da vedere in città. Ecco tutte le cose strane da vedere a Roma per vivere una Capitale insolita e segreta

Roma è la città eterna e ogni volta che ci torniamo ci piace curiosare e lasciarci incantare dalle sue strade. La maestosità del Colosseo, il romanticismo del tramonto visto dal Giardino degli Aranci e la ricchezza dei Musei Vaticani, così pieni di storia e di segreti.

Roma segreta e insolita: 10 luoghi da scoprire in un giorno

Capita spesso di camminare e perderci fra i vicoli del centro e fra una stradina e l’altra a volte ci capita di scoprire alcuni piccoli segreti e luoghi sconosciuti di Roma.

Vorremmo custodirli per noi, ma non renderemmo giustizia a questa bellissima città. Ecco allora alcuni luoghi insoliti e strani che puoi scoprire una volta a Roma.

1. Cripta dei frati Cappuccini

La cripta dei frati Cappucini è sicuramente fra i luoghi più strani da vedere a Roma e si trova sotto la chiesa di Santa Maria della Concezione in Piazza Barberini. La Cripta dei Frati Cappuccini è composta da sei piccole cappelle  e la particolarità è che queste cappelle ospitano i resti di quasi quattromila monaci dell’ordine dei Cappuccini. I monaci iniziarono questa pratica nel 1631 e da allora le sei cappelle sono state decorate con parti di ossa per creare lampadari, sedute e cornici. Un posto macabro e affascinante allo stesso tempo che ricorda a sua volta un luogo segreto e poco conosciuto di Milano: la Cappella di San Berdardino alle Ossa. 

Cripta dei monaci cappuccini Roma

2. Il teschio di San Valentino

Per rimanere in tema vi vogliamo condurre all’interno della chiesa di Santa Maria in Cosmedin. Molti ricorderanno questo luogo per la famosa Bocca della Verità che si trova nel portico. Una volta entrato qui rimarrai stupito dai bellissimi mosaici ma non è l’unica cosa particolare che potrai vedere in questa chiesa di Roma. Qui si trova anche il teschio di San Valentino. Il giorno migliore per vederlo più da vicino è ovviamente il 14 febbraio, quando il cranio viene fatto sfilare attraverso la chiesa per celebrare la festa del santo e degli innamorati.

Teschio di San Valentino

3. Il santuario dei gatti di Largo Argentina

Fra i posti particolari da visitare a Roma troviamo anche la colonia di gatti più grande di della città. Si trova a Largo Argentina dove nel 1927 vennero scoperte le rovine storiche presenti in questa pizza. Qui potrai trascorrere una giornata divertente ad ammirare il sito archeologica che è composto dai resti di quattro templi risalenti al 300-400 aC. L’area oggi è un sito archeologico che comprende l’antico teatro di Pompeo dove Giulio Cesare fu assassinato nel 44 aC. Ma al di la dell’importanza storica di questo luogo quello che attira di più è la colonia di gatti che dal 1993 ne ospita oltre 150.

Santuario dei gatti a Roma

4. Porta magica di Piazza Vittorio

Se capiti da queste parti non puoi non accorgerti che nel bel mezzo di Piazza Vittorio e protetta da due statue del dio egizio Bes si trova una porta alquanto misteriosa. Ad alimentare il mistero anche un messaggio in codice che nessuno ha ancora svelato. La porta magica o Porta alchemica di Roma faceva parte di una villa della quale oggi non è rimasto più nulla e si dice che il marchese Palombara riuscisse, attraverso questa porta, a trasformare i metalli in oro. Uno dei luoghi magici e più misteriosi di Roma.

Porta magica

5. Street Art a Ostiense

Ostiense è uno dei quartieri del sud di Roma ed è da sempre uno dei luoghi più divertenti della capitale. Un po’ per l’importante presenza di siti industriali, come i Mercati Generali che oggi ospita la Università degli Studi Roma Tre, un po’ perché è il cuore storico della vita gay romana. Negli ultimi anni poi Ostiense è diventato il luogo perfetto per gli street artist e qui non è difficile vedere interi edifici del quartiere interamente dipinti. Fra tutti il “Wall of Fame” di JB Rock, raffigurante famosi scrittori, artisti e musicisti.

Street art roma ostiense

6. Sculture a Centrale Montemartini

Sempre a Ostiense si trova il Centrale Montemartini uno dei musei più strani e particolari di Roma. Un luogo molto affascinante dove potrai ammirare antiche sculture ospitate nei locali dismessi della prima centrale elettrica pubblica di Roma. L’alternarsi di statue di marmo greco e romano con i macchinari moderni creano uno spazio suggestivo che unisce presente e passato in un unico luogo.

Centrale Montemartini segreti di Roma

7. Il quartiere Coppedè

Il quartiere Coppedè è uno dei luoghi particolari (e anche un po’ da film horror) di Roma. rimane defilato rispetto al resto della città ma dal nord del centro di Roma riesce a rimanere un punto di riferimento per gli amanti dell’architettura liberty. L’area prende il nome dall’architetto Coppedè che iniziò il progetto nel 1915 e lo lasciò incompiuto quando si suicidò nel 1927. Entra nel quartiere attravero l’ingresso dei Palazzi degli Ambasciatori e lasciati conquistare dagli edifici del quartiere che richiamano le fantastiche case di Gaudì. Fra i palazzi più belli la Palazzina del Ragno (Palazzo Spider) e la Villa delle Fate.

quartiere Coppede Roma insolita

8. Casina delle Civette

Sempre in zona Coppedè, fra Piazza Bologna e la metro S. Agnese Annibaliano si trova un edificio molto suggestivo. La Casine delle Civette è uno di quei luoghi di Roma da visitare almeno una volta nella vita. A guardarlo sembra uscito da un fiaba di fate. Si trova al numero 90 di via Nomentana all’interno di Villa Torlonia e prende il suo nome dall’animale più amato dal Principe Torlonia. Lo stile di questa villa spazia dal gotico al liberty ed è un luogo in cui il sogno e l’immaginazione la fanno da padroni.

Casina civette

9. Bunker di Villa Torlonia

Sempre a Villa Torlonia e precisamente sotto la Villa esistono 3 bunker uno dei quali completo di telefoni ed un efficiente sistema di ventilazione. Prima di recarti qui ricordati di prenotare in quanto potrebbe essere chiuso o non visitabile. Uno di quei luoghi horror di Roma che ci parla di un passato tragico non tanto lontano dai nostri giorni.

Bunker di Villa Torlonia

10. Orologio ad acqua di Villa Borghese

Villa Borghese è famosa per essere il parco più grande di tutta Roma ma quasi nessuno conosce questo piccolo angolo. All’interno del parco c’è un orologio azionato dall’acqua di una fontana. Un luogo davvero strano e caratteristico per la particolarità del suo funzionamento. Fu costruito nella seconda metà dell’800 dal domenicano Giovan Battista Embriaco e dall’architetto Gioacchino Ersoch.

Orologio ad acqua Villa Borghese

Cerchi un alloggio a Roma? Controlla su Booking | Agoda

Pronto a partire per la prossima avventura? Controlla le offerte su Booking

Letture consigliate

Dove andare quando: guida di viaggio mese per mese | Il libro dei viaggi | Viaggi senza tempo

Ti potrebbe interessare

By | 2019-01-07T10:03:43+00:00 gennaio 7th, 2019|Europa, Italia|0 Comments

Leave A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti alla newsletter

* Campi obbligatori