Cosa vedere a Napoli: 6 posti segreti e insoliti

Quando si arriva a Napoli la cosa che colpisce più di tutte è la vita che scorre in ogni angolo della strada. Appena esci dalla stazione centrale della città vieni catturato dal profumo dello zucchero a velo delle sfoglietelle calde dei fratelli Attanasio. E non è l’unico profumo che si sente! Dal profumo del fritto dei cuoppi e all’incenso che brucia per le strade di Forcella che ti conducono verso San Gregorio Armeno: ogni strada a Napoli ha il suo profumo.

Napoli è così, piena di piccole cose che danno vita alla città. Ricca di segreti che si svelano solo a occhi attenti.

6 luoghi sconosciuti e segreti di Napoli

Torniamo spesso a Napoli perchè ci piace il calore e i colori della città. Trasmette un’energia incredibile in ogni luogo: da quando prendi la metropolitana a quando camminando per le strade ti innamori della sua street art. Al di la del classico itinerario delle cose da vedere a Napoli ci sono poi alcuni segreti! Noi ne abbiamo scoperti 6.

1. La scala di Palazzo Mannajuolo

Se hai visto Napoli Velata di Opzetek sarai rimasto ammaliato e innamorato della bellissima scala elicoidale che si vede all’inzio del film. Quella scala si trova all’interno di Palazzo Mannajuolo in piena Chiaia ed è un’opera architettonica unica nel suo genere oltre ad essere uno degli esempi liberty più belli in città. Chiedi il permesso al custode per entrare e ammirare la scala nell’androne del palazzo.

Scala di Palazzo Mannajuolo_Naoli velata

2. Ospedale delle Bambole

Questa è stata una vera e propria scoperta. L’Ospedale delle Bambole è un’antica bottega diventata recentemente museo. Ad accoglierti (oltre a tantissimi pezzi di bambole sparsi per tutto il piccolo laboratorio), le artigiane che ti spiegheranno come funziona e come vengono riparate bambole e peluches. Durante la nostra visita ci ha colpito il modo in cui le artigiane hanno spiegato con passione il loro lavoro e la bellezza di alcune opere esposte.

Ospedale delle Bambole Napoli segreta

3. Chiesa del Gesù Nuovo

Per arrivare alla Chiesa del Gesù Nuovo dovrai dirigerti verso Piazza del Gesù. Una volta qui soffermati a guardare la facciata. Su alcune punte della facciata ci sono degli strani segni. Ultimamente si è scoperto che quei simboli non sono altro che lettere dell’alfabeto aramaico e che corrispondono a note musicali. Le bugne (sono chiamate così in termine tecnico le punte che sporgono sulla facciata) quindi sarebbero un grande spartito, che se suonato, darebbe vita a un concerto di circa tre quarti d’ora. Gli studiosi hanno dato il nome che è stato intitolato dagli studiosi “Enigma”.

Chiesa gesù nuovo

4. L’uomo villoso

All’altezza di Via Mezzocane al numero 9 ti sorprenderà vedere un bassorilievo di un uomo completamente ricoperto di peli. Leggenda (ma anche numerosi studi) vuole che questa sia la rappresentazione di Orione. Il gigante cacciatore per sfuggire ad Apollo si rifiugiò in mare ma venne colpito a morte da Diana. Quest’ultima lo trasformò in una costellazione. A Napoli l’uomo villoso è noto come Colapesce.

5. La fontana dele Zizze (Fontana della Spinacorona)

Una donna con ali e zampe d’uccello dai cui seni sgorga acqua. Questa è la rappresentazione originale della sirena, e venne realizzata nel 1540. La sirena dal nome Partenope fa uscire dai seni l’acqua in direzione dell’altorilievo del Vesuvio. Questo serviva a proteggere la città dall’eruzioni del vulcano.

Fontana delle Sizze_Napoli

6. La Madonna delle Mosche

Un po’ fuori rispetto al centro di Napoli. Il dipinto della Madonna delle Mosche si può vedere all’interno della Chiesa di San Carlo Borromeo alle Brecce. Le mosche vennero dipinte sul quadro nel 1650 e secondo la leggenda in quegli anni ci fu una vera e propria invasione di mosche. I contadini spaventati da questa piaga e per paura che gli insetti portassero malattie promisero di erigere una chiesa dedicata alla Madonna in cambio del suo aiuto.

Ti potrebbe interessare anche: