Residenze Reali Sabaude: itinerario alla scoperta delle dimore storiche di Torino e Piemonte

Torino è stata la prima Capitale d’Italia e l’architettura della città e le dimore storiche che si possono visitare in Piemonte hanno fatto guadagnare al circuito delle residenze reali sabaude il riconoscimento di patrimonio dell’UNESCO. L’itinerario alla scoperta di questi edifici è una delle cose più belle da poter fare nella regione e sicuramente un viaggio pieno di fascino e cultura. Ecco cosa vedere e dove andare per visitare le dimore sabaude a Torino e Piemonte.

La storia delle residenze sabaude

Da quando nel 1562 il duca Emanuele Filiberto di Savoia spostò la capitale del ducato a Torino, questa città e l’intera regione ha cominciato a fiorire grazie a tutto il potere dei Savoia. Infatti il Duca cominciò a far costruire e restaurare edifici di altre epoche presenti sul territorio, oltre che commissionare nuovi edifici, gran parte dei quali costruiti da Filippo Juvarra, architetto e scenografo di Messina.

Sono davvero tantissimi gli edifici da visitare e grazie alla loro presenza massiccia nella regione, permettono di organizzare piccoli viaggi o weekend e giornate culturali durante tutto l’anno.

Quando visitare le residenze sabaude

Il periodo migliore per organizzare un tour per visitare il Piemonte e le residenze sabaude è di sicuro primavera e l’estate, perché spesso in autunno e inverno alcune delle residenze e dei luoghi sabaudi potrebbero essere chiusi. Inoltre nel periodo caldo i giardini di alcune residenze sono rigogliosi e bellissimi da visitare, quindi è consigliabile questo periodo.

In ogni caso dipende tutto da quello che vuoi vedere. Se preferisci rimanere a Torino e vedere le residenze sabaude della città, tutte le stagioni sono perfette, perché i palazzi sono sempre aperti, e la città è accogliente in ogni stagione. Se volete visitare anche le altre residenze sparse in Piemonte, allora conviene organizzarsi per primavera, estate fino a ottobre.

  • Primavera: periodo perfetto per visitare le residenze sabaude, specie per ammirare gli incredibili giardini in fiore
  • Estate: anche se potrebbe fare molto caldo, l’estate è un ottimo periodo perché spesso questi edifici ospitano eventi speciali, feste e cinema all’aperto
  • Autunno: i colori sono incredibili e tutto si tinge di arancione e rosso, ma attenzione perché alcune delle residenze potrebbero essere chiuse
  • Inverno: questa stagione è perfetta per visitare le residenze sabaude di Torino che nel periodo invernale è meravigliosa anche grazie alle “luci d’artista” che decorano tutto il centro storico

Itinerario consigliato per:

L’itinerario alla scoperta delle residenze sabaude a Torino e in Piemonte è davvero un bel tour che può essere fatto in giornate singole sparse durante l’anno, a pezzetti un weekend per volta o tutto insieme calcolando 3-4 giorni. Ma per chi è ideale questo itinerario:

  • Amici, coppie e viaggiatori singoli
  • Amanti dei viaggi on the road, ma anche della bicicletta
  • Amanti del cibo
  • Viaggiatori che amano il relax
  • Amanti della storia e della cultura

L’itinerario in breve alla scoperta delle residenze sabaude a Torino e in Piemonte

Prima di scoprire punto per punto cosa si può vedere a Torino e in Piemonte, vediamo le tappe principali di questo itinerario alla scoperta dei migliori residenze reali sabaude. Alla fine di questo post vedremo meglio anche come raggiungere questi luoghi e in che modo visitare tutte le città, ma molti di questi luoghi sono raggiungibili facilmente sia in automobile, che in treno e in bicicletta.

  • Torino: alla scoperta delle residenze sabaude di Torino, la prima capitale d’Italia. A partire da Piazza Castello, si può vedere Palazzo Madama per poi visitare il Palazzo Reale. All’interno di Palazzo Reale ci sono alcuni dei luoghi più belli di questo circuito come l’Armeria Reale e la Galleria Sabauda con la collezione d’arte dei Savoia. Dopo di che si può procedere verso il Museo Egizio, costruito all’interno del Palazzo dell’Accademia delle Scienze e si finisce al vicino Palazzo Carignano.
  • Castello di Moncalieri, visitabile solo su appuntamento al suo interno, ma con la possibilità di passeggiare e visitare il giardino
  • Castello Reale di Racconigi con i suoi ricchi interni e le stanze reali dove furono celebrate le nozze tra Filippo d’Assia e Mafalda di Savoia
  • Palazzina di Caccia di Stupinigi, una palazzina scenica all’esterno ma ancora più incredibile all’interno con i suoi decori teatrali
  • Castello di Rivoli, una delle residenze preferite dai Savoia, che oggi ospita un museo di arte contemporanea
  • Venaria Reale, con la sua incredibile galleria e i giardini da sogno
  • Basilica di Superga, costruita nel punto più alto di Torino, maestosa e importante per contenere al suo interno la cripta dei Savoia

Torino: le residenze sabaude della prima capitale italiana

Torino è una città incredibile e deve molto ai Savoia che hanno trasformato radicalmente l’aspetto della città, regalandoci alcuni dei palazzi più belli visitabili a Torino. Per visitare tutti i luoghi sei Savoia della città, metti in conto almeno due giorni per evitare di correre da un palazzo all’altro e goderti al meglio una delle città più belle d’Italia.

  • Giorno 1: prendi come punto di riferimento Piazza Castello e visita i palazzi della zona a partire da Palazzo Madama nel centro della piazza e poi il Palazzo Reale. Palazzo Reale al suo interno ha tantissime mostre e un bel giardino alle sue spalle ma non perdere l’Armeria Reale, una delle più grandi in europa, e la Galleria Sabauda con la collezione d’arte dei Savoia.
  • Giorno 2: comincia la giornata dal Palazzo dell’Accademia delle Scienze, dove si trova il Museo Egizio, uno dei musei egizi più belli e moderni del mondo. Poco più avanti potrai ammirare anche Palazzo Carignano con le sue due facciate e il Museo Nazionale del Risorgimento Italiano dove ripercorrere la storia della Repubblica d’Italia.
  • Tenetevi come jolly la Basilica di Superga da cui vedere uno dei panorami più belli della città

Palazzo Madama

Realizzato da Filippo Juvarra, architetto di corte dei Savoia e conosciuto per essere uno dei più bravi scenografi italiani, il Palazzo Madama si trova nel mezzo di Piazza Castello e ha al suo interno il Museo civico d’arte antica. Il museo è molto bello, ma se avete poco tempo fate soltanto un giro attorno al palazzo e poi proseguite il giro.

  • Aperto tutti i giorni dalle 10.00 alle 18.00 (martedì chiuso)
  • Costo biglietto: € 10
  • Indirizzo: Piazza Castello

Palazzo Reale

Palazzo Reale è un insieme di edifici, musei e giardini che rappresentano il fulcro dei luoghi delle residenze sabaude a Torino e nel Piemonte. Se si vogliono visitare i luoghi patrimonio UNESCO di questo circuito, non si può saltare il Palazzo Reale. Ci sono diversi luoghi visitabili. Il Palazzo vero e proprio è ricco di stanze da visitare famose per lo stile barocco e i decori principeschi tanto amati dai Savoia. Oltre al palazzo e alle mostre temporanee che cambiano in continuazione, non perdere l’Armeria Reale, una delle più grandi in Europa, e la Galleria Sabauda con la collezione completa dei Savoia, allestita sia nelle sale originali che in spazi più moderni.

  • Aperto tutti i giorni dalle 9.00 alle 19.00 (il lunedì è aperto solo il Palazzo Reale, l’Armeria e la Sacra Sindone)
  • Costo biglietto: € 15 (€ 10 il lunedì, ma non sono aperte le mostre temporanee)
  • Indirizzo: piazzetta Reale 1

Museo Egizio

Anche se il Museo Egizio non è propriamente un luogo originale del circuito sabaudo, il palazzo in cui è stato costruito lo è eccome. Infatti il Museo Egizio di Torino è stato allestito all’interno del Palazzo dell’Accademia delle Scienze. Questo museo è uno dei più visitati al mondo ed è il più antico museo egizio al mondo e il più grande dopo quello del Cairo. Non perderti la Galleria dei Re, una delle sale più sceniche di tutto il museo.

  • Aperto tutti i giorni dalle 9.00 alle 18:30 (il lunedì chiude alle 14:30)
  • Costo biglietto: € 15
  • Indirizzo: Via Accademia delle Scienze 6

Palazzo Carignano

Il Palazzo Carignano è un luogo importantissimo per diversi motivi. Intanto il suo stile barocco piemontese è qui espresso al meglio sulla facciata in mattoni rossi. Questo Palazzo fortemente voluto da Emanuele Filiberto di Savoia era molto diverso e includeva anche un giardino, ma nell’800 fu ampliato per ospitare il primo Parlamento italiano in assoluto. La visita al palazzo p davvero suggestiva e permette di visitare tutte le stanze del palazzo inclusi lo studio di Camillo Benso e l’aula del Parlamento Italiano tenuta intatta.

  • Aperto dal martedì alla domenica dalle 9.00 alle 18.00
  • Costo biglietto: € 10
  • Indirizzo: Via Accademia delle Scienze 5

Basilica di Superga

La Basilica di Superga sicuramente è un luogo difficile da raggiungere, ma da qui potrai vedere un panorama mozzafiato sulla città. Inoltre qui c’è anche la Cripta Reale dove si trovano 62 delle persone che hanno fatto parte della famiglia Savoia.

  • Aperta tutti i giorni dalle 10.00 alle 18.00 (in inverno dalle 9.30 alle 17.00)
  • Costo biglietto: € 5 (tombe reali + appartamento reale)
  • Indirizzo: Strada della Basilica di Superga 75, Superga

Piemonte: le residenze Sabaude fuori Torino

  • Giorno 1: le prime due tappe del viaggio saranno Moncalieri e Racconigi. In entrambe le città potrai visitare i castelli dei Savoia, tutti in stili diversi oltre al grande parco che circonda il castelli di Racconigi
  • Giorno 2: il secondo giorno è il turno della Palazzina di Caccia di Stupinigi e il Castello di Rivoli. La palazzina non è così piccola come sembra dal nome ma è un palazzo costruito per sembrare una scena teatrale, e gli interni sono conosciuti per gli incantevoli trompe l’oeil. Mentre il Castello di Rivoli è una boccata di aria fresca grazie al Museo di Arte Contemporanea allestito al suo interno
  • Giorno 3: questa giornata è tutta dedicata alla Reggia di Venaria Reale. Questa Reggia, patrimonio dell’UNESCO per eccellenza, è uno dei palazzi più visitati al mondo e colpisce per i suoi interni barocchi e lussuosi. Inoltre tutto attorno potrai vedere il grandissimo parco con animali selvatici e ruscelli

Castello di Moncalieri

Foto di Vinzseventyfive utilizzata in base ai termini della licenza CC

Il Castello di Moncalieri è uno dei più antichi palazzi tra le residenze sabaude. Fu infatti costruito nel medioevo, ma poi trasformato dai Savoia. Era una delle residenze amate dai personaggi femminili dei Savoia, come la Regina Maria Adelaide e le Principesse Clotilde e Letizia. Il castello non è sempre aperto e per questo motivo se pensi di visitarlo è meglio chiamare prima per essere sicuri di poterlo visitare all’interno, altrimenti accontentatevi di vederlo dall’esterno in tutta la sua meraviglia.

  • Aperto spesso in primavera ed estate, chiamare il numero 011.6402883
  • Costo biglietto: € 8
  • Indirizzo: Piazza Baden Baden 1, Moncalieri

Castello di Racconigi

Foto di Filnik utilizzata in base ai termini della licenza Creative Commons

Questo castello è famoso per essere stato il luogo di villeggiatura della famiglia Savoia. L’interno del castello ha mantenuto tutti gli arredi originali ed è impreziosito dalla collezione di dipinti che ritraggono la Casa Savoia, mentre il parco è un vero e proprio tripudio della natura con diverse passeggiate tra cascine e laghi dove avvistare anche delle cicogne.

  • Aperto dal martedì alla domenica dalle 9.00 alle 19.00
  • Costo biglietto: € 5 (parco e castello)
  • Indirizzo: Via Francesco Morosini 3, Racconigi

Palazzina di Caccia di Stupinigi

Questo file di Paolobon140 è licenziato in base ai termini della licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale

Questa residenza di caccia è tutto tranne che “-ina”. Fu costruita dall’architetto di corte Filippo Juvarra ed è un vero e proprio gioiello architettonico. Rappresenta uno dei palazzi reali più importanti al mondo grazie all’architettura del palazzo che è scenica e maestosa, e gli interni decorati con trompe l’oeil, meravigliosi dipinti e arredi originali. Davvero uno dei luoghi che non si possono perdere in questo itinerario. Inoltre vengono spesso allestite mostre tematiche come l’ultima su Frida Khalo.

  • Aperto dal martedì alla domenica dalle 10.00 alle 18.30 (17:30 in settimana)
  • Costo biglietto: € 12
  • Indirizzo: Piazza Principe Amedeo 7, Nichelino

Castello di Rivoli

Questo Castello è uno dei luoghi più enigmatici di tutto l’itinerario. Residenza di campagna dei Savoia, nel ‘700 cominciarono i lavori di riedificazione a opera di Juvarra, ma purtroppo non furono mai portati a termine lasciano il palazzo incompiuto. Adesso al suo interno è ospitato uno dei più importanti musei di Arte Contemporanea con una prestigiosa collezione e tante mostre temporanee ed eventi organizzate tutto l’anno.

  • Aperto dal martedì alla domenica dalle 10.00 alle 19.00 (chiude alle 17.00 in settimana)
  • Costo biglietto: € 8,50 (mostra temporanea e collezione permanente), € 26,50 (castello e collezione Cerruti)
  • Indirizzo: Piazza Mafalda di Savoia, Rivoli

Reggia di Venaria Reale

La Reggia di Venaria Reale è in assoluto il palazzo più bello di tutto l’itinerario. Entrare qui ti potrà dare un’idea perfetta di come vivesse la Casa Savoia e di quanto sfarzo ci fosse in quegli anni. Alla Reggia lavorarono tantissimi architetti ma la stanza più famosa di tutte è il Salone di Diana, costruito da Amedeo di Castellamonte.

Per visitare la Reggia al meglio bisogna dedicare un giorno intero, così da poter passeggiare tra le stanze, visitare i musei presenti all’interno (non perdere le installazioni multimediali di Peter Greenaway) e l’immenso e meraviglioso giardino dove in una delle vasche c’è anche una gondola originale veneziana. Inoltre qui in estate vengono spesso organizzati eventi e aperture serali.

  • Apertura dal martedì alla domenica dalle 9.30 alle 19:30 (in settimana alle 17:30)
  • Costo biglietto: € 25 (Reggia, giardini e mostre), € 18 (Reggia, scuderia e giardini), € 5 (solo giardini)
  • Indirizzo: Piazza della Repubblica 4, Venaria Reale

Come raggiungere i luoghi dell’itinerario

Ovviamente il modo migliore per raggiungere tutti i luoghi presenti nell’itinerario alla scoperta delle residenze sabaude a Torino e in Piemonte è l’automobile, ma non è l’unico mezzo. Infatti tutti questi luoghi sono facilmente raggiungibili sia con treni regionali che partono con molta frequenza dalle stazioni principali di Torino, ma anche in bicicletta se sei un amante del ciclismo. I chilometri totali del percorso sono circa 150, quindi è fattibile un giro circolare in più tappe.

  • Automobile: utilizzando Torino come base, puoi spostarti facilmente in auto per raggiungere tutti i luoghi dell’itinerario
  • Treno e mezzi pubblici: tutti i luoghi fuori Torino sono raggiungibili facilmente con treni regionali o autobus pubblici. Controlla su Google la modalità preferita
  • Bicicletta: se si decide di fare questo itinerario in bicicletta, bisognerà dormire lungo il percorso. Il totale dei chilometri è circa 150, e ci sono moltissime ciclabili che collegano i punti di maggiore interesse. Questa ciclabile si chiama Corona di Delizie, trovi tutte le info qui

Salva su Google Maps tutti i luoghi di questo itinerario