Cosa fare e cosa vedere a Specchia in provincia di Lecce tra centro storico, frantoi, palazzi nobiliari e chiese bizantine

Specchia si trova a meno di un’ora di macchina da Lecce, più vicina a Santa Maria di Leuca rispetto al capoluogo salentino ed è una dei piccoli borghi del Salento inserito nel circuito dei borghi più belli d’Italia.

Un borgo che vale davvero la pena visitare se hai intenzione di seguire un itinerario insolito delle bellezze salentine. Sebbene sia molto piccolo (ci vivono appena 5000 persone) le cose da vedere e da fare non mancano! 

Alla scoperta di Specchia: cose fare e vedere nel Borgo più bello d’Italia del Salento

Specchia come abbiamo già detto è nel circuito dei Borghi più belli d’Italia e un motivo c’è. La città è antichissima e per questo motivo qui sono avvenute talmente tante cose da arricchire la città di storie e leggende. Ma cosa c’è da vedere e fare a Specchia? Ecco tutto quello che troverai in questo articolo.

  • Quando visitare Specchia
  • Cose da fare e vedere a Specchia
  • Dove dormire ad Specchia
  • I luoghi di Specchia su Google Maps (una cartina da salvare sul tuo smartphone per muoverti più facilmente)

Quando visitare Specchia: il periodo migliore

Specchia si trova nella parte meridionale del Salento e per questo i mesi caldi dell’estate potrebbero non essere quelli perfetti. Anche se ovviamente durante i mesi estivi potrai trovare rassegne, sagre ed eventi che ti faranno apprezzare molto di più il borgo se hai la possibilità di visitare Specchia in primavera oppure in Autunno siamo sicuri che potrai godere ancora di più della bellezza di questo borgo in provincia di Lecce.

Cose da fare e vedere a Specchia

Anche se Specchia è un piccolo borgo della provincia di Lecce qui ci sono davvero tantissime cose da fare e da vedere sia nel borgo che poco fuori, nelle zone vicino. Iniziamo subito a vedere le cose imperdibili da vedere a Specchia.

Centro storico di Specchia

Una volta arrivati a Specchia la prima cosa da fare è perdersi per le vie del suo centro storico. Piccolo, ben curato e abbellito da piccole fioriere appese in ogni angolo. Davvero un gioiellino del Salento.

Castello di Specchia

Il Castello di Specchia si trova nella piazza principale del borgo. Questo particolare castello fu una costruzione isolata dalle altre e fu proprietà di molte famiglie nobili che abitavano in Salento. Tra le più conosciute le famiglie Ratta, Capua e dei Del Balzo. Il castello oggi però è conosciuto con il nome della famiglia più famosa che abitò qui, i Protonobilissimo, marchesi locali che vissero qui intorno il 1500. Nei pressi del Castello è anche presente un ufficio turistico dove poter informarsi sulle cose da vedere e gli eventi in corso a Specchia.

Palazzo Ripa

Palazzo Ripa è un bellissimo palazzo baronale di cui oggi è possibile ammirare solo l’esterno. Questo splendido palazzo venne costruito nel XVII secolo ed è particolarmente bello per la sommità merlata che caratterizza il tetto e la piccola torretta laterale aggiunta nel Settecento.

Le maschere antropomorfe

In tutto il centro storico è possibile vedere tantissime casette bianche protette da spessi portoni di legno. In alcune di queste ti capiterà di vedere dei mascheroni posti proprio in cima alla porta. Se ne possono trovare di tutte le forme e con tutte le espressioni facciali: arrabbiati, divertiti e intenti a fare la linguaccia. A cosa servivano? Ovviamente a tenere lontano gli spiriti maligni! 

Chiesetta di Sant’Eufemia

La piccola chiesa dedicata a Sant’Eufemia si trova poco fuori il centro storico della cittadina. La caratteristica che salta subito all’occhio è la posizione dell’abside, a est ovvero dove sorge il sole così com’era consuetudine tra i bizantini. Sant’Eufemia poi è una santa molto cara ai bizantini e molto venerata anche tra gli ortodossi. La chiesa è stata realizzata intorno al IX secolo con varie modifiche fatte nel Medioevo.

Convento Francesco Neri

Sempre di stile bizantino è il convento dei Francescani Neri. Questi edifici risalgono al XV e da non perdere è la una piccola cappella dedicata a Santa Caterina d’Alessandria e da notare anche l’interno barocco. La cripta, il cui accesso si trova vicino il coro, ha origine balisiana con le caratteristiche 36 colonne scanalate decorate con motivi in stile bizantino.

Cripta della Madonna del Passo

La particolare chiesa della Madonna del Passo ha anch’essa origini bizantine. Venne scoperta nel XVI secolo e trasformata in chiesa alla fine del Cinquecento. La particolare forma quadrangolare è caratterizzata da due altari laterali mentre le pareti della chiesa cripta è impreziosita da tracce degli antichi affreschi che decoravano tutte le pareti.

Frantoi di Specchia

Specchia nei secoli scorsi era un centro importante per la produzione dell’olio di oliva e a testimonianza di questo ricco passato sono presenti in tutto il borgo diversi frantoi ipogei. Questi frantoi sono stati realizzati tutti tra il XV e il XIX secolo e oggi è possibile visitarne alcuni. Fra i tanti il più caratteristico è il Frantoio ipogeo Scupola poco distante da Piazza del Popolo.

Museo della civiltà contadina

L’unico museo presente oggi a Specchia è quello dedicato alla civiltà contadina al cui interno è possibile approfondire la storia contadina di questo borgo. Un museo che sicuramente verrà apprezzato tantissimo se hai intenzione di visitare il borgo con dei bambini.

Se cerchi un alloggio a Specchia controlla le offerte su Booking.com e risparmia! Qui troverai tantissimi hotel, case e B&B con degli ottimi prezzi, ma sopratutto potrai leggere i commenti degli ospiti che ci sono già stati, controllare le valutazioni e vedere tante foto della struttura. Prova Booking.com