Castelli, palazzi e dimore in Piemonte

Luoghi unici in Piemonte: castelli e dimore storiche per una gita fuori porta

Il Piemonte è una regione dalla ricchezza storica e architettonica unica nel suo genere. Prima dell’unificazione italiana del 1861, il nostro paese era governato da tanti piccoli principati. Questo è uno dei motivi per cui nel nostro paese sono presenti numerosi castelli fortificati, palazzi e ville.

Il Piemonte diventato del suo sfarzo ai Savoia ed è grazie ache a loro che oggi si possono ammirare castelli medievali e palazzi barocchi. Fare un giro fra i castelli e i grandi palazzi del Piemonte è uno dei modi migliori per fare una gita fuori porta.

Sacra di San Michele

L’antica abbazia Sacra di San Michele venne costruita fra il 983 e il 987 sulla cima del monte Pirchiriano. L’abbazia è dedicata al culto dell’Arcangelo Michele. Questo luogo è diventato un vero e proprio simbolo del Piemonte e ha anche ispirato il famoso romanzo giallo di Umberto Eco Il nome della rosa.

 

Palazzo Madama

Palazzo Madama si trova nel cuore di Torino ed è uno dei palazzi più belli d’Italia. Talmente tanto bello che anche Napoleone decidse di farne la sua residenza. La struttura principale del palazzo risale al 1003 ma la facciata che si può ammirare ancora oggi fu aggiunta dall’architetto barocco Filippo Juvarra nel 1718.

La Venaria Reale

Questa tenuta barocca poco fuori Torino venne costruita nel 1600 per il duca Carlo Emanuele II di Savoia, è considerata la “Versailles di Torino”. Il palazzo si estende su una superficie di oltre 80mila metri quadrati e ha vasti terreni e giardini. Qui potrai assistere a concerti e laboratori didattici e una delle cose più belle che potrai fare è arrivare qui pedalando dal centro di Torino alla Reggia di Venaria.

Palazzina di caccia di Stupinigi

La Palazzina di caccia di Stupinigi è un gigantesco capanno da caccia creato per la Casa Savoia nel tardo XVIII secolo ed è Patrimonio UNESCO. Anche per questo palazzo l’opera è di Filippo Juvarra e la sua firma è visibile nel cuore di Stupinigi: la sala ovale centrale all’interno della vasta cupola dell’edificio.

Castello di Camino

Il castello di Camino è considerato il più bel castello delle colline del Monferrato. La sala da pranzo del castello è in grande stile neogotico e il teatro è affrescato con scene di Don Chisciotte. Immerso in un parco di alberi secolari con vista sui vigneti del Monferrato, è facile capire perché il castello fosse una destinazione popolare per la famiglia Savoia, in particolare i re Vittorio Emanuele II e III e Umberto I.

Castello di Rocca Grimalda

Alessandro Manzoni cita in una delle sue odi patriottiche la bellezza della Valle dell’Orba. Questo castello è caratterizzato da una formidabile torre circolare di cinque piani, ma la vera attrazione architettonica è la cappella a trompe l’oeil. Ci sono anche diversi giardini da esplorare: dal giardino italiano al frutteto con varietà medievali di frutta.

Villa della Regina

Villa della Regina venne costruita su volere del Cardinal Maurizio di Savoia, fratello di Amedeo I, a inizio Seicento da Ascanio Vitozzi e ristrutturata da Juvarra.

Il primo nome della villa fu “Villa Ludovica”, in quanto fu la residenza personale di Ludovica di Savoia. Dopo la sua morte, la villa divenne la residenza della regina Anna Maria di Orléans, moglie di Vittorio Amedeo II. Durante l’occupazione francese qui soggiornò anche Napoleone. Il palazzo è stupendo ed è stato restaurato da poco.

Cerchi un albergo in zona? Controlla le offerte su Booking

Letture consigliate

Castelli d’Italia | Guida di Torino | Torino nascosta

Ti potrebbe interessare 

By | 2018-10-09T12:48:55+00:00 ottobre 10th, 2018|Europa, Italia|0 Comments

Leave A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti alla newsletter

* Campi obbligatori