Cosa fare e vedere a Kawagoe: la piccola Edo a mezz’ora di treno da Tokyo

Kawagoe è una piccola città dove è ancora possibile immergersi nell’atmosfera regale del periodo Edo giapponese. Quel periodo che va dall’inizio del 1600 a metà dell’800, al 1868 per la precisione: anno in cui il Giappone aprì ufficialmente le porte all’Occidente.

Kawagoe si trova a circa mezz’ora di treno dalla stazione di Tokyo ed è una di quelle città da visitare almeno una volta oltre a essere un’ottima destinazione per una gita fuori porta da Tokyo. Una volta arrivati alla stazione centrale di Kawagoe sarà sufficiente muoversi a piedi per raggiungere e visitare i principali centri d’interesse della città. Ecco quindi cosa fare e cosa vedere a Kawagoe.

Cosa vedere a Kawagoe

Kawagoe ebbe la massima espansione come una sorta di città stato durante il periodo Edo giapponese ed è proprio questa l’atmosfera che si respira camminando per il suo ricco centro storico. Le case tipiche di quel periodo sono oggi adibite e negozi, ristoranti e alberghi, ma questo non toglie la magia unica che si può vivere una volta arrivati a destinazione.

Tempio Kita-In

Il tempio buddista Kita-In di Kawagoe è il più importante della città. Si trova un po’ fuori rispetto al centro storico della piccola Edo ma è uno di quei templi che ti rimangono nel cuore. Questo tempio è una delle massime espressioni dello shogunato dei Togugawa e anche se il tempio buddista risale al 830 d.C., il suo sviluppo come lo conosciamo oggi risale al XVI secolo.

Il Kitain venne distrutto dal Grande Incendio del 1638, e ricostruito per volere dello Shogun con parti del suo Castello Edo. All’interno del complesso del tempio potrai ammirare una pagoda e le 500 statue Rakan: figure di pietra dei monaci buddisti. Potresti passare ore a guardare queste statue e mentre meditano, ridono, chiaccherano o sorseggiano il sakè. In questo tempio poi ogni 3 gennaio viene svolta la cerimonia del Daruma, le bambole propiziatorie che si dice facciano avverare ogni desiderio.

Kurazukuri

La strada di Kurazukuri è il principale centro d’interesse della città. Qui si susseguono una dopo l’altra le tipiche abitazioni Edo e non è difficile capire perché questa è la strada più iconica di tutta la città. Gli edifici di Kurazukuri hanno tetti a spioventi e un tempo erano utilizzati come magazzini di beni comuni come sale e riso. Tutti gli edifici sono stati costruiti fra il 1868 e il 1912 e il più antico fra tutti è del 1792. Oggi in questi edifici si trovano principalmente negozi di souvenir, di cracker di riso, musei ma anche alberghi e ristoranti tipici.

Kashiya Yokocho

Questa piccola stradina, in una traversa dalla strada principale, è famosa per essere la strada delle caramelle. Qui potrai trovare caramelle artigianale dalle forme e dai decori più stravaganti. Se sarai fortunato potrai assistere anche alla creazione di queste particolari caramelle oppure prepararne una tu dalla bancarella della strada che richiama i tantissimi turisti che passano di qui. Questo quartiere si sviluppo’ nel periodo Meiji quando Suzuki Tozaemon iniziò a fare dolciumi in questa prospera città di fronte al tempio di Yojuin. Nel 1923, dopo che Tokyo fu danneggiata dal terremoto del Grande Kanto, quest’area divenne il principale produttore e fornitore di dolciumi. In passato qui c’erano più di 70 negozi e oggi anche se il numero dei negozietti è diminuito l’atmosfera del vicolo e dello spirito dei proprietari dei negozi è rimasto intatto.

Tori no Kane

Il vero simbolo della città è questa antica torre dell’orologio realizzata interamente in legno. Si trova appena fuori dal Kurazukuri e domina con i suoi 16 metri di altezza tutta la zona. Questa torre venne eretta per la prima volta nel 1600, ed è stata ricostruita almeno 4 volte in quanto distrutta in vari disastri naturali fra cui terremoti e incendi. Per ascoltare i rintocchi del campanile dovrai aspettare le 6 del mattino, oppure le 12, le 15 o le 18. Subito attraversato il Tori no Kane, potrai visitare il tempio Yakushi Jinja, un santuario molto frequentato dalle persone con problemi alla vista.

Kawagoe Matsuri

Il Festival di Kawagoe è il più famoso e frequentato di tutta la zona. Si svolge una volta l’anno il terzo weekend di Ottobre ma per avere un assaggio di quello che significa il festival per la città potrebbe essere sufficiente una visita al grande museo dedicato al Kawagoe Matsuri. Questo festival si svolge da circa 360 anni ed è fra i più della regione: spettacolari carri allegorici tenuti da tantissime persone. All’interno del museo potrai vedere alcuni di questi carri che raggiungono altezze inimmaginabili perché si crede che l’altezza riesca a mettere in contatto con gli dei.

Tempio Hikawa

A poca distanza da Kurazukuri, si trova il santuario Hikawa. Le divinità custodite in questo tempio sono legate alla coppia e al matrimonio ed è per questo motivo che è frequentato dagli innamorati. Una volta qui potrai scrivere i tuoi desideri su un ema (una tavoletta votiva legno), o pescare un omikuji (un bigliettino che predice la buona o la cattiva sorte) a forma di pesce.

Koedo Kurari

Il Koedo Kurari è il luogo perfetto per concludere la gita di un giorno a Kawagoe. Qui potrai trovare tantissimi prodotti tipici ma soprattutto gustare oltre 40 tipi di sake. Questo spazio nasce in una antica distilleria di sake, oggi ospita vari negozietti di prodotti locali (come cracker di riso, alimenti alla patata dolce e liquori) ma soprattutto uno spazio dove gustare il sake. Con un gettone da 500 Yen potrai gustare 4 tipi di sake differenti e sceglierli in base alla gradazione, gusto e acidità.

Letture consigliate

Guida del Giappone | Autostop con Buddha | I Love Tokyo

Cerchi un albergo a Tokyo? Controlla le offerte su Booking

Ti potrebbe interessare: