Consigli su come spostarsi a Manila: bus, taxi, jeepney e metro

Molte persone soprattutto gli abitanti del posto sconsigliano ai turisti di visitare Manila e di andare direttamente verso le isole come Palawan, Bohol o Borocay.

Molti infatti consigliano di non avventurarsi a Manila perché è difficile spostarsi in città e perché il traffico è davvero terribile. Ma come ci si muove a Manila? Esattamente come fanno i filippini! Ecco quindi i migliori mezzi per spostarsi a Manila e raggiungere le principali attrazioni turistiche della città.

Ride-sharing

Il modo più economico e conveniente per spostarsi in città è con app come Uber o Grab. Prima di arrivare a Manila accertati di scaricare queste app e di averle sul tuo telefono. Prenota in anticipo le corse e scegli orari fuori dagli orari di punta per visitare la città. Le ore peggiori per muoversi sono fra le 7 e le 9 e fra le 17 e le 21.

Taxi

I taxi sono in linea di massima molto comodi anche se non proprio puliti. Spesso dovrai chiedere di accendere il tassametro o contrattare un prezzo per la tua corsa e questo potrebbe risultare sfiancante.

Tuk-tuk

I tuk-tuk sono motorini con posti a sedere. Sono agili e veloci e permettono di raggiungere ogni luogo della città in poco tempo. Bisogna contrattare il prezzo prima di prenderlo e affidarsi alla sorte!

guida gay manila filippine

Treni e metropolitane

Una delle opzioni per spostarsi in città sono i treni della metropolitana leggera. In particolare la LRT-1, LRT-2 e MRT-3 (o semplicemente “MRT”). Il LRT-2 è il più comodo dei tre, in quanto le altre due linee attraversano le zone più trafficate di Manila e, quindi, diventano molto più affollate.

Jeepneys

Sebbene siamo molto convenienti, non sono proprio il mezzo di trasporto più comodo. Il jeepney è conosciuto nelle Filippine  come il “Re della Strada” ed è un vero e proprio simbolo nazionale. Quindi vale la pena prenderlo almeno una volta quando si è a Manila.

Cerchi un albergo a Manila? Controlla  tutte le offerte su Booking e risparmia

Letture consigliate

Guida delle Filippine | Capire e farsi capire in filippino | L’arcipelago dei contrasti 

Ti potrebbe interessare