Cosa vedere a Elche

Cosa fare e cosa vedere a Elche, città Patrimonio UNESCO del Sud della Spagna

Elche (o Elx) è una piccola città vicino ad Alicante, nella parte sud della Costa Blanca in Spagna. Ed è proprio durante il nostro viaggio in macchina partito da Madrid che abbiamo avuto modo di visitarla.

Elche è protetta da migliaia di palme e da un’aria esotica che rendono la città unica nel suo genere. Elche è anche la terza città per importanza (e grandezza) della Comunità autonoma Valenciana.

Cosa vedere a Elche

Le cose da vedere e da fare ad Elche non mancano e la città può essere visitata in mezza giornata. Ecco le cose da visitare assolutamente una volta a Elx.

El Palmeral

La visita della città non può non partire dalla sua attrazione più famosa. Il Palmeral de Elche è stato dichiarato nel 2000 Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO in quanto rappresenta il più grande palmeto presente in Europa. Ed è davvero enorme, si stima che le palme siano oltre 7000! Il palmeto è visibile praticamente da tutta la città. Qui puoi trovare centinaia di palme alte oltre 20 metri e con secoli di vita alle spalle (qui venivano coltivate sin dall’epoca cartaginese). Durante l’inverno la città si addobba a festa per la caratteristica raccolta dei datteri.

Poco distante dal Palmeto di Elche si trova anche il Museo del Palmeto, ospitato in una caratteristica casa del diciannovesimo secolo. Qui potrai trovare tutte le informazioni sulle palme e sul perché siano così importanti e perché sono entrate a far parte dei patrimoni dell’umanità.

Huerto del Cura

Uno dei parchi più frequentati di Elche, l’orto botanico di Elche noto come Huerto del Cura ospita circa 500 palme ed è uno dei più singolari giardini botanici della Spagna.

Basilica di Santa Maria

La Basilica sorge dove un tempo era eretta la più grande moschea della zona. Trasformata in Basilica a seguito della cacciata degli arabi nel 1265. Oggi rimane ben poco dell’antica moschea e la chiesa è un mix di stili architettonici che vanno dal barocco al neoclassico.

La Basilica di Santa Maria di Elche è famosa in tutto il mondo però per un’altra cosa. La rappresentazione dei Misteri di Elche, dichiarata Patrimonio orale e immateriale dell’Umanità nel 2001. Ma cosa sono i misteri? Il 14 e il 15 agosto di ogni anno qui si celebra la Fiesta, un’opera lirica basata su un testo in lingua valenciano e latino eseguita da uomini e bambini. Una tradizione antichissima che il concilio di Trento del 1545 proibì ma successivamente reintrodotta da papa Urbano VIII.

Bagni Arabi

Furono costruiti nel dodicesimo secolo e sono il segreto nascosto di questa città. Non solo ai turisti, ma anche per gli stessi abitanti di Elche. Fu solo con il restauro del 1988 del museo che lo ospita che furono aperti al pubblico. I bagni si trovano in Plaza de la Merced e rappresentano uno dei migliori esempi di architettura islamica presenti sul territorio valenciano.

Torre di Calaforra

La Torre de la Calahorra è una delle poche tracce rimaste del passato arabo della città. Faceva parte dell’antica fortificazione e delle mura che proteggevano Elche da attacchi esterni. Si tratta di una torre del dodicesimo secolo e si può vedere in Plaza de Santa Isabel.

Palacio de Altamira

Il Palacio de Altamira è una fortezza di stile moresco costruita in epoca Almohad e rinnovata nel suo aspetto e funzione alla fine del quindicesimo secolo.

La Dama di Elx

Una statua stupenda nota come Dama di Elche e che da sola vale la visita al museo. Questa scultura rappresenta una donna in abiti da cerimonia ed è stata realizzata nel quarto secolo AC. Rappresenta il più importante esempio di scultura iberica e venne ritrovata durante gli scavi archeologici del 1897 a L’Alcudia, distante pochi chilometri dalla città.

Cerchi un albergo in zona? Controlla le offerte su Booking

Letture consigliate

Guida della Spagna | Guida dell’Andalusia | Guida di Madrid | Madrid insolita e segreta

Ti potrebbe interessare

By | 2018-11-19T12:10:36+00:00 ottobre 26th, 2017|Europa, Spagna|0 Comments

Leave A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti alla newsletter

* Campi obbligatori