Giornata mondiale contro l’omo-transfobia: cos’è e perchè è importante

Giornata Internazionale contro l’Omofobia, la Transfobia e la Bifobia

Il 17 maggio ogni anno viene celebrata la Giornata Internazionale contro l’Omofobia, la Transfobia e la Bifobia. E ogni anno in Italia vengono svolti tantissimi eventi, come quello di Avellino che inaugura la stagione dei Pride con la marcia in memoria delle vittime di omofobia.

Cosa significa Omotransfobia

Il termine omofobia deriva dal greco όμός = stesso e φόβος = timore, paura. Letteralmente significa “paura nei confronti di persone dello stesso sesso”. Nella pratica si traduce con intolleranza nei confronti di uomini e donne omosessuali. In questa sfera rientrano le battute, le offese verbali per arrivare alle minacce e alle aggressioni fisiche.

Alzi la mano chi non si è mai visto additato, o chiamato frocio, ricchione e via discorrendo. L’omofobia è quella cosa che fa pensare ad alcune persone di essere superiori ad altre e sentirsi in dovere di insultare e picchiare qualcuno.

Da cosa nasce l’omofobia? L’omofobia nasce dall’idea che siamo tutti eterosessuali e che è normale e sano scegliere un partner del sesso opposto. Questa credenza poi viene alimenta dalla società. Il diverso è sempre visto come qualcosa da allontanare e tenere fuori dalle proprie sicurezze personali. Spesso poi la paura del diverso è talmente dentro la nostra società che molti gay tendono a essere omofobi.

Perchè si celebra il 17 maggio?

Il 17 maggio è una data importante e coincide con la rimozione dell’omosessualità dalle patologie mentali da parte dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. E questo non è accaduto tanti anni fa. Ma solo nel 1990, 28 anni fa. Fino a 28 anni fa era normale considerare un omosessuale o una lesbica un malato mentale. La cosa tragica però è che in alcuni paesi del mondo essere gay è ancora un reato a volte punito con la morte.

Questa giornata viene celebrata a livello internazionale e ha un significato molto profondo. Lo scopo è quello di diffondere il messaggio secondo cui l’omofobia è sbagliata e non può esistere sviluppo senza uguaglianza.

Omofobia: La situazione nel mondo

Le persone omosessuali, bisessuali e transessuali sono ancora oggi oggetto di crimini d’odio e discriminazioni nel mondo. L’Italia ovviamente non è da meno: ogni anno si contano centinaia di casa di omofobia, bifobia e transfobia.

Nel mondo sono 72 paesi in cui l’omosessualità è considerata un crimine. In 45 di questi paesi la legge che condanna l’omosessualità è applicata anche alle donne. In Iran, Arabia Saudita, Yemen, Sudan, Somalia, Nigeria, Iraq e Siria l’omosessualità è punita con la pena di morte. E le condanne sono all’ordine del giorno.

In alcuni paesi poi (esattamente 22) le leggi locali puniscono l’espressione delle persone omosessuali e trans per preservare la moralità e i dettami religiosi. Spesso a questi divieti si uniscono terapie riparative e stupri correttivi.

Come celebrare la Giornata contro l’Omotrasfobia?

Ogni anno in Italia ci sono molti eventi dedicati a questa giornata. Ogni anno tante aziende si fanno promotrici di incontri e giornate di riflessione. Ci sono quindi tanti modi per fare di questo evento una giornata ancora più profonda. Ecco qualche esempio per celebrare la giornata contro l’omotrasfobia.

Partecipa a un videoforum

Se nella tua città è stato organizzato un cineforum partecipa. Oppure puoi organizzare una serata a casa con amici per vedere alcuni dei film più belli sulla lotta contro l’omotransfobia. Pride, Milk, Philadelphia solo per citarne alcuni.

Organizza una raccolta fondi

Puoi celebrare in maniera più concreta la Giornata contro l’Omotransfobia organizzando una raccolta fondi. Esistono tante associazioni dedicate alla causa. 

Partecipa a una marcia

In giro per l’Italia il 17 marzo ci saranno tantissime marce per ricordare che di omotransfobia oggi si può morire.

Porta un fiore alle vittime dell’odio

In Italia e nel mondo ci sono tantissimi monumenti dedicati all’omocausto. Questa giornata può essere l’occasione perfetta per portare un fiore e ricordare tutte le vittime dell’odio omofobico.

Ti potrebbe interessare

By | 2018-05-01T22:24:14+00:00 maggio 14th, 2018|News|0 Comments

Leave A Comment

Iscriviti alla newsletter

* Campi obbligatori