Cos’è il Gay Pride, la storia e il significato

Perché si festeggia il Gay Pride? La storia e il significato della manifestazione più importante della comunità LGBT

Il Gay Pride è famosissimo per i suoi colori, gli abiti e l’energia incredibile che la comunità LGBT riversa nelle strade durante le parate. Per capire perché si festeggia e il significato bisogna però conoscerne la sua storia. Il motivo per qui questa manifestazione è diventata così colorata sta proprio nel suo passato. E chi etichetta il Pride come “Carnevalata”, il più delle volte non conosce nemmeno i motivi per cui è nato e si è evoluto in questo modo.

La storia del Gay Pride: lo Stonewall Inn

Negli anni ’60 negli Stati Uniti era frequente che i poliziotti organizzassero delle retate nei locali gay picchiando, arrestando e minacciando i membri della comunità LGBT che erano lì solo per divertirsi. Decenni di oppressione furono la miccia che fece accendere la prima rivolta.

Era il 28 giugno del 1969 e un gruppo di poliziotti fece irruzione nel club gay Stonewall Inn di New York. Per la prima volta la comunità LGBT non rimase a guardare e decise di rispondere alle manganellate con altrettanta violenza. Leggenda vuole che fu Sylvia Rivera a scagliare il primo colpo levandosi la scarpa col tacco e lanciandola contro un poliziotto.

Per tutti i giorni a seguire la comunità gay decise di scendere in strada mostrando a tutti che loro esistevano e che era finito il tempo di nascondersi. Lo slogan era uno ed era chiarissimo: “Say it clear, say it loud. Gay is good, gay is proud.” (Dillo in modo chiaro, e urlalo. Essere gay è giusto, essere gay è motivo d’orgoglio).

I primi Gay Pride

Esattamente un anno dopo, in memoria dei moti di Stonewall, fu organizzato il primo Gay Pride a New York, inizialmente chiamato Christopher Street Liberation Day March. Durante questa marcia i partecipanti scesero in strada indossando i vestiti più sgargianti, slip e costumi da bagno. Le transessuali e i travestiti potevano finalmente passeggiare in strada con i costumi a loro più consoni e senza avere paura. Questa marcia serviva a dire in modo inequivocabile che le regole sociali erano regole di repressione e che nessuno aveva più voglia di seguirle.

Sempre quello stesso anno furono organizzate altre manifestazioni a Chicago, San Francisco e Los Angeles. E fu proprio Los Angeles la prima città ad ottenere che la strada in cui sarebbe avvenuta la manifestazione fosse transennata così da organizzare una vera e propria parata.

Gay Pride oggi: perché si festeggiano?

I Gay Pride oggi sono delle manifestazioni che diamo quasi per scontato, ma celano dietro la propria storia anni e anni di lotta e violenza. Noi abbiamo stilato l’elenco degli 8 motivi per cui tutti dovrebbero partecipare a Pride, ma a contarli non basterebbero nemmeno una ventina di mani. I gay pride sono vitali e necessari e dovremmo tutti difenderli proprio perché ci danno la possibilità di rompere quelle regole sociali che il più delle volte sono delle catene vere e proprie.

Gay Pride in Italia: le date

In Italia ogni anno si organizzano dai 20 ai 30 Gay Pride, principalmente nelle città più grandi. Scopri le date dei Gay Pride che verranno organizzati quest’anno, e se non hai mai partecipato a una parata, ecco i consigli su come affrontare il primo Pride.

 

Potrebbe interessarti anche

 

By | 2018-01-16T12:44:51+00:00 gennaio 16th, 2018|News|0 Comments

Leave A Comment

Iscriviti alla newsletter

* Campi obbligatori