Le migliori cose da fare e vedere a Irsina in Basilicata, eletto uno dei borghi più belli d’Italia

Inserita dalla Lonely Planet tra i TOP 10 posti da visitare nella guida Matera e Basilicata e dal 2018 inserita nel circuito dei Borghi Più Belli d’Italia, Irsina si erge fiera, ma un po’ sommersa, sul paesaggio dorato delle colline di grano della Valle del Bradano.

10 cose da fare e vedere a Irsina

Diventata famosa negli ultimi anni per via delle tantissime famiglie dal nord Europa, America e Nuova Zelanda che hanno deciso di trasferirsi qui a vivere, questa cittadina è pienissima di cose da fare e vedere.

1. Andrea Mantegna e Sant’Eufemia

Se i turisti da tutto il mondo arrivano fin qui è soprattutto grazie alla statua di Sant’Eufemia di Irsina, unica scultura al mondo attribuita ad Andrea Mantegna. Scoperta l’attribuzione non tantissimi anni fa, questa opera è adesso conservata nella cripta della Cattedrale di Santa Maria Assunta e, grazie a un piedistallo rotante, è possibile ammirarla in tutto il suo splendore. Gli abitanti del posto sono diventati gelosissimi e orgogliosi di questa statua, e, se chiederai informazioni in giro, saranno tutti ben lieti di accompagnarti in Chiesa per raccontare gli aneddoti riguardanti la statua. La Cattedrale è quasi sempre aperta, ma per sicurezza puoi contattare la Pro Loco di Irsina per prenotare una visita in caso di chiusura (339 7836791 – 346 6920957)
E-mail: irsinaproloco@virgilio.it

Cattedrale di Irsina Sant'Eufemia

2. Sulla via dei templari

Prima di uscire dalla Cattedrale mettiti in cerca delle tracce dei templari. Proprio vicino la statua del Mantegna, vicino a un altarino, troverai una scalinata buia che ti condurrà nella cripta. È qui che potrai ammirare quello che i templari hanno lasciato a Irsina. Sul pavimento, in marmo, potrai vedere la “rosa dei templari” che ogni anno, durante il solstizio d’estate, viene illuminata da un potente raggio di sole. Emozionante come poche altre cose!

3. La casa di conchiglie

In un piccolo viottolo nei pressi di Via S. Chiara 14 si trova una eclettica casa di cui nessuno sa molto. La “Casa di conchiglie” è interamente decorata con sassolini e conchiglie di mare. Purtroppo crollato qualche anno fa, un colosseo di telline sormontava la facciata, mentre ora è possibile vedere solo la torre di Pisa e gli infiniti dettagli decorativi che lasciano sempre a bocca aperta!

4. Cripta di San Francesco

All’interno di quello che era il castello normanno di Irsina, adesso Chiesa di San Francesco, si trova una cripta ipogea interamente affrescata da opere appartenenti alla scuola giottesca e realizzate attorno al 1370. Custoditi con estrema cura, questi affreschi hanno mantenuto i colori vivaci e brillanti di quando sono stati realizzati. Per prenotare la visita vai su www.irsina-arte.com.

Strade del borgo di Irsina

5. Cascate di stelle

La poca illuminazione delle campagne e la posizione di Irsina lontana dalle grandi città permettono di ammirare ogni notte uno spettacolo senza pari. Se sei in macchina prenditi del tempo per ammirare le stelle che si stagliano nel cielo nero pece di Irsina. Allontanandosi davvero di poco dal centro abitato, raggiungi (con Google Maps) le coordinate 40°45’42.5″N 16°13’07.0″E , in questa strada asfaltata e ben percorribile spegni la macchina e comincia a guardare in alto. Rimarrai stupefatto dalla bellezza del cielo. Portati, se vuoi, anche una birretta e passa le ore a cercare costellazioni o a tuffarti nella via lattea.

6. I bottini

È nel medioevo che vennero costruiti sotto la collina di Irsina dei lunghissimi cunicoli che servivano per incanalare l’acqua che ancora oggi sgorga dalla fontana settecentesca chiamata “Le 12 fontane”. Prenotando l’ingresso sarà possibile camminare per qualche centinaio di metri in queste strade sotterranee che ti accompagneranno nelle viscere del paese, alla scoperta di un sistema idraulico ancora eccellente. Per prenotare la visita vai su www.irsina-arte.com.

7. Festa di San Rocco

Se in tutta Italia il 15 agosto di festeggia Ferragosto, a Irsina tutto il paese si prepara a passare la notte in bianco per i festeggiamenti di San Rocco. Un turista o una persona di passaggio potrebbe essere frastornato e non capire quello che accade, ma vi promettiamo che c’è sempre da divertirsi. Nel borgo antico (e qualche volta anche in quello nuovo), vengono allestiti degli altarini in pizzo e stoffe bianche, tantissimi vasi di basilico, spighe di grano e la statua di San Rocco. È attorno a questi altari che gli irsinesi si riuniscono per passare tutta la notte tra canti, karaoke, dj set, musica dal vivo e fiumi di vino e pettole fritte (pasta della pizza fatta ad anelli e fritta). Tra sacro e profano, per qualche ora non saprai davvero cosa accade!

8. Museo Janora

Desolato e silenzioso, questo museo ha tantissimo da raccontare. Accompagnati da una delle guide dell’Associazione Arenacea, il museo espone più di 300 reperti che raccontano l’arte e la vita in questa terra dalla preistoria alla civiltà ellenistica. Il pezzo più bello è un gigantesco cratere illuminato e tenuto benissimo. Appartenente al IV secolo, ti farà capire l’importanza che ha avuto questo borgo da sempre nella storia. Per prenotare la visita vai su www.irsina-arte.com.

Irsina Basilicata

9. Bosco di Verrutoli

Poco distante dal centro città, c’è un grande bosco dove è bello perdersi e camminare per ore. Scegliendo se intraprendere i sentieri battuti o semplicemente camminare a zonzo tra gli alberi, questo posto è diventato anche meta degli amanti degli edifici abbandonati. Potrai infatti vedere un hotel completamente deserto e totalmente accessibile che, una volta terminato, non ha mai aperto al pubblico. Tra le cucine, le camere e la sala conferenze, potrai vedere tappeti di proiettili. È qui che in gran segreto si riuniscono gli amanti di paintball.

10. Castello di Monteserico

Non proprio nei territori irsinesi, ma situato a pochi chilometri dal borgo, questo castello è arroccato su una montagna, e solo arrivarci regala una vista incredibile. Una volta arrivato in cima alla montagna, se sarai fortunato, potrai trovarlo aperto e visitarlo con una delle guide del posto che ti racconteranno la storia di tutta l’area geografica. In caso contrario, goditi dall’alto l’incredibile panorama che cambia di stagione in stagione. Le distese marroni dell’autunno e dell’inverno lasciano spazio a infiniti spazi verdi che si perdono a vista d’occhio. Ma è in estate che diventa tutto incredibile: le colline si tingono di oro e sarà difficile non rimanere accecati da tutta questa preziosa bellezza! Controlla giorni, orari d’apertura o prenota la visita tramite la pagina Facebook ufficiale del Castello.

Cerchi un alloggio a Matera? Controlla su Booking

Letture consigliate

Guida di Matera e la Basilicata | Matera. Nuova guida | Itinerari a Matera e in Basilicata

Ti potrebbe interessare